Articolo
4marzo

Social media intelligence: 4 consigli utili

social media intelligence

Con i social media le aziende stanno sperimentando nuovi modi per relazionarsi con i propri clienti, uno spazio dove creare l’occasione per stabilire una comunicazione a due vie: parlare ma soprattutto ascoltare. Non tutte le aziende hanno compreso le potenzialità di questo strumento e come possono trarre vantaggi tangibili nel loro business.

L’ascolto dei social media è il primo passo del community management, un’attività che può  e insight utili per il business, ma anche generare valore a partire da una relazione più forte e dunque fedeltà.

Un’indagine condotta da Netbase, una società di business intelligence, analizza come i consumatori percepiscono la presenza social dei brand.

Ecco cosa emerge dall’indagine:

  • Il 32% dei consumatori afferma di non avere  idea che i brand stanno monitorando le conversazioni, quindi in molti casi il feedback è puro
  • C’è però un 68% di utenti che sa bene che parlando sui social parlano (anche) alle aziende e da esse si aspettano un feedback
  • Un 51% degli utenti invece vorrebbe poter parlare senza che le aziende possano ascoltare.
  • Il 48% invece è convinto che le aziende dovrebbero ascoltare per poter trarre un feedback che permetta loro di migliorare i servizi.
  • Altro dato interessante: il 42% dei consumatori si aspetta una reazione al proprio commento positivo. Si cerca un ascolto attivo da parte delle aziende che invece sembrano essere reattive solo in caso di una citazione diretta.

4 utili consigli sulla base di questi dati:

1. Non ascoltare semplicemente, ma capire e agire. Cosa fai dopo aver realizzato che c’è un problema? dalle conversazioni hai individuato un’opportunità?

2. Contestualizza il post, il contesto può cambiare il significato che è il motivo che rende difficile fare l’analisi del sentiment con strumenti automatici

3. Coinvolgi con l’intento di generare valore reciproco

4. Dimostra che ascoltare non è un’intrusione ma una costruzione di relazione.

L’infografica:

Socialmedia