Articolo
11marzo

L’email marketing è uno strumento efficiente? intervista a Marco Massara

Mailbox

Nel mondo del web marketing stiamo assistendo all’ascesa di diversi trend, di innovative strategie da applicare sul nuovo social. L’email sembra essere invece uno degli strumenti meno di tendenza, ma ciononostante è uno degli strumenti, nel mix di leve del web marketing, che non può mancare in una strategia. Nonostante ogni tanto qualcuno ne accerti la morte, l’email marketing è più vivo che mai.

Fare email marketing seguendo una buona strategia può permettere di ottenere risultati molto soddisfacenti e con ROI interessanti. Ottenere risultati da questo strumento è però meno semplice di come potrebbe sembrare. Abbiamo intervistato Marco Massara di Mailup e gli abbiamo chiesto di svelarci qualche trucco.

Qual è la situazione del email marketing in Italia, puoi darci qualche numero?

La situazione che vedo davvero? WhatsApp funziona (eccome), Facebook messenger funziona, Skype direi che funziona, l’Email funziona e si tiene in disparte: qui non si chatta e si shera con calma, l’email è la tua ‘timeline privè’:

Coloro che vi danno il permesso di entrare nella loro timeline più intima, quella della posta elettronica, sono i vostri migliori fan.” (G. Diegoli, in questo post)

openrate

Quando hai il permesso, funziona almeno 2 volte in più degli altri canali (il come lo spiegheremo qui).

Per tornare anche ai numeri richiesti, ecco un po’ di dati (sicuri) che conosco bene: un’infografica e il nostro osservatorio sull’Email marketing (sudati sul campo e) relativi al mondo B2B italiano nel 2012.

b2brate

Quali sono i principali fattori che aumentano il numero di delivery di una campagna DEM, come si fa a non finire nello spam?

Direi che 5/6 domande ci rispondono:

1. Hai inserito un form chiaro evidenziando tutti i vantaggi dell’iscrizione?

2. La tua email ha una grafica curata, testi corretti e senza parole spam, link visivi e testuali alla landing page? Un oggetto vincente grazie all’A/B test?

3. Hai scelto un’infrastruttura di invio affidabile?

4. Sai come interpretare e usare i dati statistici sulla tua campagna?

5. Riesci a far comunicare la tua piattaforma di invio con sistemi esterni perautomatizzare alcuni processi?

Su questo tema puoi trovare molto qui.

Qual è a tuo avviso una buona strategia DEM, nello specifico: quali azioni dei propri clienti è bene usare come trigger e con quale tempistica.

Partire chiedendosi “Come posso essere utile al il mio destinatario, così come sono “messo”? Con il contenuto che ho e in questo preciso contesto” e non : “Come il mio destinatario può essere utile a me?”

Questo accorgimento cambia il mondo, quando si scrive una strategia.

Mi piacerebbe vedere spesso tutti questi punti all’opera (e comunque, almeno uno!):

1. acquisisci in maniera chiara e vantaggiosa per chi ti da i suoi dati (list building)

2. coinvolgi e basta (ad es.: con un’email di “conferma iscrizione” che contenga già contenuti utili)

3. quando invii la DEM, invia qualcosa di semplice e/o inaspettato e/o concreto e/o credibile e/o emozionante e/o raccontabile. Ovvero: made to stick!

4. crea un piano di formazione base tramite email automatiche (lasciagli il tempo di leggerle)

5. profila ma “lascia vivere”. Fai in modo che il tuo destinatario si posizioni da solo: ad esempio, guardando su che tipi di link clicca e agendo di conseguenza.

Per le tempistiche ci son troppi “dipende”, rimando a questo corso.

Azioni di email marketing su carrelli abbandonati che performance riescono a registrare?

In ambito Email marketing, per ricontattare chi esce dal nostro negozio senza comprare dobbiamo avere la sua email. Esistono diversi scenari nei quali possiamo chiedergliela tramite, ad esempio, tramite banner o overlay pertinenti a comparsa. Ne vediamo cinque:

1. Aiutiamolo a registrarsi all’Ecommerce con qualche vantaggio (si è persa questa buona abitudine?)

2. Rimane più di 1 minuto su una categoria? Chiediamogli l’email per tenerlo informato proprio su quello che gli interessa (ciascuno decida un tempo adeguato al suo contesto)

3. Visita più di 3 volte un certo prodotto? Facciamoci avanti!

4. Abbandona la sua shopping cart? Chiediamogli di mandargliela via email

5. Sta per pagare e gli viene qualche dubbio? Mandiamogli un codice via email per avere subito la spedizione gratuita

Per approfondire, ecco a voi un ebook e questo video di un webinar fatti su misura:

Grazie Marco.

Marco Massara

Marco Massara è Direttore Marketing di MailUp e co-autore di libri, formatore in corsi aziendali e docente universitario. Entra ad Ottobre 2012 nello Staff di MailUp come Direttore Marketing.