Articolo
16gennaio

Il web (non) è solo dei ragazzini

WEB

E’ opinione diffusa che fare una campagna su internet sia per un target specifico: i ragazzi. Niente di più sbagliato.

Abbiamo avuto la prova con alcuni progetti dedicati a un target maturo che, badando ai pregiudizi non avremmo preso su internet, e invece ha dato grandi soddisfazioni in termini di risultati.

Abbiamo trovato questa infografica frutto di uno studio di Wikibon che dimostra quello che abbiamo riscontrato empiricamente.

Sono state messe a confronto  tre generazioni:

Chi passa più tempo sul web?
Data Footprints by Generations

Le generazioni messe a confronto dallo studio sfatano dunque il mito che il web è dei ragazzi. E’ la Generation X con quasi 60 giga di dati al mese a guidare la classifica. Seguono i Millennials, i nativi digitali. Anche i più grandi non sono poi tanto distanti con quasi 45 Giga al mese di traffico.

E’ sempre la Generazione X a guidare la classifica dei possessori di computer.

Lo studio include navigazione, sia su computer che mobile e anche la TV.

I Baby boomers sono quelli che guardano più televisione, ma il mix dei due canali, web+TV vede sempre al primo posto la generazione X.

La navigazione in mobile è dominata dai Millennials che sono anche, in percentuale, il maggior numero di utenti del web.

Altro dato che emerge per i Millennials è la più alta quantità di video visualizzati, ma la più bassa proveniente dalla TV:  la maggior parte delle visualizzazioni è online.

Siamo ancora convinti che il web è solo dei ragazzi?