Articolo
22maggio

HR e Social Network, un nuovo paradigma

steve jobs

Di solito quando si parla di HR, ovvero le risorse umane, e di Social Network tutti pensano a  trovare un lavoro on line, leggere annunci,  candidarsi compilando dei form appositi … ben inconsapevoli di tutto quello che c’è oltre!

 

 

Un diverso paradigma

Indubbiamente i Social Network, il digitale, il 2.0 in genere permettono di affrontare il mondo delle HR in maniera completa perchè i soggetti coinvolti sono le aziende, i candidati e tutto ciò che ruota attorno a loro.

Non dimentichiamoci però che: Le aziende sono fatte di persone e le persone fanno le strategie delle aziende, cerchiamo di capire come e quanto, le azioni delle prime condizionano e impattano sui risultati delle seconde.

Indubbiamente le  HR e il SMM (social media marketing) hanno molto in comune e un uso intelligente può portare a risultati stupefacenti;

Oggi è importante eesserci, ma esserci bene: usare bene questi  strumenti apre un mondo, consente l’inconsentibile, abbatte barriere e amplifica i talenti.

Oggi l’uso dei Social Media ha un impatto ormai innegabile sulle risorse umane, le aziende più avanti ne hanno colto il senso e hanno già messo in piedi delle vere e proprie strategie digitali: Employer Branding, Personal Branding e Social Recruiting, le altre arriveranno, con i loro tempi … qualcuno sarà lì ad aspettare, ma i migliori … saranno andati!

Quello su cui vorrei soffermarmi oggi è il confine tra Employer Branding e Personal Branding.

Cosa è l’Employer Branding?

Pensiamo all’employer branding come all’insieme di tutte le azioni che un’azienda compie nei confronti dei dipendenti interni ed esterni, e dunque il reclutamento delle nuove risorse, con lo scopo principale di valorizzare il Brand stesso dell’azienda per aumentarne l’appettibilità e accrescere il sentiment verso se stessa.
Fare Employer Branding vuol dire fare Marketing per le risorse umane.
Il concetto che sta alla base dell’Employer Branding è che se un dipendente dà un valore elevato all’azienda per cui lavora e viene messo nelle condizioni di dare il meglio di se,  sarà ovviamente più motivato nel fare bene e farà di tutto per restare e crescere con quell’azienda.
Lo stesso tipo di ragionamento può essere anche fatto nei confronti del mercato esterno, nel senso che se all’esterno i possibili candidati danno un valore alto all’azienda faranno di tutto per potervi lavorare e l’azienda sarà in grado di attrarre a se le migliori risorse, i talenti.

Social-media-for-HR

Cosa è il Personal Branding?

Il tuo Personal Brand è la ragione per cui un cliente, un datore di lavoro o un partner ti sceglie; si dice che in generale sia “quello che gli altri pensano di te quando non ci sei”, pensiamolo come “il sentiment che generiamo negli altri”.

Fare Personal Branding significa impostare una strategia per individuare o definire i nostri punti di forza, quello che ci rende unici e differenti rispetto ai nostri concorrenti e comunicare in maniera efficace cosa sappiamo fare, come lo sappiamo fare, quali benefici potremmo portare e perché gli altri dovrebbero sceglierci.

Cosa hanno in comune?

Oggi le aziende devono mostrarsi ed essere percepite come umane e trasparenti, per essere competitive, il parere del consumatore influenza sempre più l’immagine del Brand. Le grandi Aziende sanno essere aperte al dialogo e al confronto. Per un’azienda avere un volto umano può essere più facile  se sceglie di valorizzare e  sfruttare l’apporto dei diversi Brand delle persone che lavorano per le Imprese. Il Personal Branding delle persone influenza la percezione degli altri sull’azienda stessa.

I dipendenti, i collaboratori oggi sono dei veri e propri Ambassador della azienda per cui lavorano! le persone possono diventare potenti strumenti di marketing per le aziende stesse.

Un esempio famoso

Se è vero che: “sei bravo solo se lo dice Google” Steve Jobs senza dubbio eccelle  e si distingue! Il  co-fondatore e CEO di Apple si è sempre distinto per la sua immagine pubblica, è sempre stato molto abile nella sua strategia di comunicazione, ci metteva la “sua” faccia e amplificava notevolmente il Brand di Apple.