Articolo
30maggio

Evoluzione della leggibilità del testo

assefont.jpg

La scelta di un carattere tipografico sia nella carta stampata che nel web o, più recentemente, nella lettura da e-reader è uno dei momenti più importanti della progettazione grafica. Il font è personalizzazione, è estetica, è design è, soprattutto, comunicazione.  Da qui si parte per un lungo viaggio che ci porta nella conoscenza dei diversi caratteri tipografici, della loro storia e del loro utilizzo.  E The History of Typography di Ben-Barrett Foster, video spopolato sul web nei giorni scorsi, ci da una mano.

[vimeo 65353988 w=500 h=281]

 

Dopo la parte ludica dell’articolo passiamo ai dati dell’ evoluzione della tipografia in ambito web:

Prima

Nel 2009 Smashing Magazine ha condotto uno studio sull’utilizzo dei font in vari siti web, analizzando analogie e criticità attraverso delle semplici query come:

  • Che diffusione hanno i font serif e sans serif nel corpo del testo e  nei titoli?

sans-headlines

serif-body-copy

Il 60% dei siti web usa sans-serif per i titoli, per lo più Arial, Verdana, Lucida Grande e Helvetica

  • Quali font sono utilizzati più di frequente?

most-popular-typefaces

  • Qual è la dimensione media del carattere nei titoli e nel corpo del testo?

La dimensione media del carattedere del corpo del testo è 12-14 px mentre per il titolo si va dai 18 ai 29 px.

Tra i tanti i siti presi in considerazione ci sono il Financial Times, l’Huffington Post, il NY Times o A List Apart ed è ancora possibile accedere ai dati raccolti attraverso questo spreadsheet.

Dopo

Con l’evoluzione dei devices mobili, le nuove modalità di navigazione web, le tecniche di Responsive design  sono emerse nuove problematiche relative alla lettura del testo, quindi la ricerca di Smashing Magazine si aggiorna con nuove domande e l’attenzione si sposta sui caratteri tipografici ad alta leggibilità.

  • Che diffusione hanno serif e sans serif nel corpo del testo e  nei titoli?

Headings_serif_-sans1 body_serif_sans1

Mentre nel 2009 la predominanza del Serif era netta, le tendenze attuali ci dicono che, soprattutto nel titolo, si utilizza sempre di più un carattere Sans-Serif.

  • Quali font sono utilizzati più di frequente?

Typfaces-comparison

I classici non spariscono, Georgia, Helvetica ed Arial sono sempre lì in prima fila. Anche qui, di pari passo con i gusti e con le nuove possibilità di creare e condividere nuovi font, la caratteristica che prevale è la personalizzazione. Ognuno usa quello che gli pare, insomma.

  • Qual è la dimensione media del carattere nei titoli e nel corpo del testo?

La dimensione media del carattedere del corpo del testo è variata da 12-14 px ai 14-16 px,  mentre per il titolo si è passati dai 18-29 px ai 29-32 px.

  • In che misura il responsive design è stato adottato dal web?

La diffusione del responsive design è in continua evoluzione, si parla del 42% dei siti web ma questa media è un po’ variabile.

Ottimizzare la leggibilità di un testo molte volte richiede la modifica del tipo di carattere, dello stile, della dimensione e della spaziatura in base alla larghezza e l’altezza della finestra.  In conclusione notiamo che la cosa strana è che siti importanti come Alitalia, con il suo new look, è totalmente non responsive ma anche il NY Times o Il Guardian non sembrano volersi adeguare.